Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l' informativa estesa 

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.

Cerca nel sito

Eventi

Ottobre 2017
L M M G V S D
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Informazioni dalla segreteria

Esame di stato

L'esame di stato, normato dal D. M. 445/2001, ed entrato in vigore nel 2004, comprende, dopo la laurea un tirocinio clinico di tre mesi e una prova scritta.

Il tirocinio clinico, che comporta una valutazione, deve essere svolto per 30 giorni in un reparto ospedaliero di medicina, per 30 giorni in un reparto di chirurgia e per 30 giorni presso lo studio di un medico di medicina generale. In ogni settore il neolaureato può ottenere un punteggio massimo di 30 punti che sommati a quelli della prova scritta contribuiscono al punteggio finale.

 L’Ordine ha avviato una collaborazione con le Università e per ottenere il riconoscimento dei crediti ECM per i medici valutatori scelti in base ai requisiti del comma 3 art.27 D.Lgs 368/1999 e precisamente: 10 anni di convenzione, almeno la metà delle scelte massime, ambulatorio idoneo. Si tiene conto anche dei seguenti ulteriori requisiti: precedenti esperienze del campo del tutoraggio e della formazione permanente con particolare riferimento alla capacità valutativa; assenza di provvedimenti disciplinari sanzionati con provvedimento definitivo di sospensione dall'esercizio della professione nei 12 mesi precedenti;disponibilità di un sistema informatico efficace ed aggiornato (uso della cartella informatizzata e collegamento ad internet); dotazione dello studio con ulteriori spazi, attrezzature medicali, personale di segreteria e/o infermieristico; impegno a partecipare ad uno specifico, adeguato corso di formazione per tutor/valutatore di tirocinio pratico valutativo; impegno a sottoporsi a valutazione con test di ingresso e di uscita nel corso di formazione per tutor/valutatore; impegno di almeno 3 mesi per anno solare nell'attività tutoriale/valutativa.

Patenti

I MEDICI DI FAMIGLIA NON DEVONO COMUNICARE I NOMINATIVI DEI PAZIENTI CON PATOLOGIE PREGIUDIZIEVOLI PER LA GUIDA
Grande successo della FNOMCeO (e in particolare del nostro Guido Marinoni): il Governo ha accolto le istanze della Federazione che chiedeva l'esclusione dei medici di fiducia di cui all'art. 119 del Codice della Strada dall'obbligo di comunicare al Dipartimento per i trasporti eventuali patologie accertate che compromettano l'idoneità alla guida di soggetti già titolari di patente.
Il Decreto Legislativo 18 aprile 2011, n. 59 recante "Attuazione delle direttive 2006/126/CE e 2009/113/CE concernenti la patente di guida" è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 99 del 30 aprile 2011. A seguito di alcune richieste si ritiene opportuna la seguente precisazione in merito all'obbligo di segnalazione di patologie che possono interferire con l'abilità alla guida. Il recente Decreto Legislativo prevedeva nella prima bozza, l'obbligo di denuncia diretta da parte del medico all'Ispettorato della Motorizzazione qualora il medico stesso nella sua normale attività avesse riscontrato patologie potenzialmente pericolose per la guida. L'intervento della Fnomceo ha consentito di eliminare tale norma dal testo poi approvato. Nulla è variato invece rispetto all'obbligo da parte dell'assistito, di presentare, nei casi previsti, il certificato anamnestico del medico di fiducia recante l'indicazione delle patologie in atto. Il modello rimane quello attualmente in uso. Il certificato anamnestico ove richiesto e previsto, dovrà essere presentato al medico abilitato al rilascio della certificazione di idoneità o alla commissione provinciale.

 

Leggi la comunicazione 30-2016 della Fnomceo relativa al Decreto 10 marzo 2016 recante "Modifiche al decreto 31 gennaio 2011 concernente le modalità di trasmissione della certificazione medica per il conseguimento e il rinnovo della patente di guida".

 

Scarica la circolare della Federazione e il parere del Ministero della Salute con il fac-simile del modello di certificato icon circolare neopatentati e altri 

 

La prestazione sanitaria del medico curante finalizzata al rilascio del certificato preliminare per il rinnovo o il conseguimento della patente di guida per i veicoli a motore è esente da Iva. Scarica il parere Agenzia Entrate

 

Leggi il decreto 30 novembre 2010 per approfondire i casi di rilascio e conferma di validità della patente di guida a soggetti con patologie a carico dell'apparato visivo, diabetici o epilettici

 

Scarica il Decreto 31 gennaio 2011 sulle modalità di trasmissione della certificazione medica per il conseguimento e il rinnovo della patente di guida da parte di particolari categorie di medici.

 

Scarica le informazioni sui  ciclomotori 

 

Leggi le indicazioni operative per i requisiti idoneità alla guida 

Autocertificazioni

Le autocertificazioni, redatte su carta intestata del medico, possono essere inviate alla sede dell'Ordine, anche via fax al n.035/217230, purchè accompagnate dalla fotocopia di entrambi i lati di un documento d'identità non scaduto.

Cambio di residenza

Per il cambio di residenza è necessario compilare l’autocertificazione – che si può scaricare dal nostro sito – e consegnarla agli uffici. Chi preferisse inoltrarla via fax (035.217230) deve allegare anche fotocopia della carta d’identità.

Fasce orarie di reperibilità

Scarica la circolare della Fnomceo sulle fasce orarie di reperibilità dei dipendenti pubblici in caso di assenza per malattia